Lo sport

sport1Il calcio La mia passione per il calcio risale al 1956, quando giocavo nelle giovanili del Bologna nel ruolo di portiere. Si sa, nelle mie vene scorre sangue ‘rosso-blù’ e per la mia squadra del cuore ho scritto delle ‘canzoni d’amore’: “Cuore Rosso-Blu”, “Ultra’s Love Song” e “Le tue ali Bologna”, quest’ultima interpretata con i miei amici, il compianto Lucio Dalla, Gianni Morandi e Luca Carboni, tifosissimi come me.

 listenascolta "

      Le tue ali Bologna - Andrea Mingardi
" ascolta "
      Cuore Rosso-Blu - Andrea Mingardi
"
ascolta "
      Ultra's Love Song
"
ascolta "
      Calciopoli Blues - Andrea Mingardi
"

 La Nazionale Cantanti Logo-Nazionale-CantantiLa Nazionale Cantanti ha più di 20 anni. Ne fanno parte alcuni dei più prestigiosi protagonisti della musica italiana che fin dal 1981 hanno voluto impegnare spontaneamente la loro immagine di artisti e sportivi in un progetto a lunga scadenza, finalizzato alla realizzazione di opere sociali di solidarietà. Il 5 giugno 1987 si è costituita ufficialmente con la denominazione di Associazione Nazionale Italiana Cantanti per aiutare i bambini che soffrono. sport2“È un’esigenza che è cresciuta nel tempo – spiega Andrea Mingardi, uno dei fondatori della Nazionale – nel momento in cui tante persone hanno cominciato a scoprire da dove viene la passione e quali stimoli può dare la solidarietà. Prima ancora che nascesse la Nazionale Cantanti, si giocava tra di noi per iniziative di beneficenza, ed erano tutte partite o per aiutare qualche associazione, o per ricordare calcio2qualcuno, o ancora per raccogliere fondi. Poi la tendenza si è istituzionalizzata e queste “partite del cuore” sono diventate parte integrante dell’attività privata degli uomini dello spettacolo”. Ma calarsi nella parte non è stato facile… “In realtà al cantante si chiede sempre di cantare, a qualunque manifestazione si presenti. Ma questa immagine autopromozionale non è piacevole: sfruttare determinati eventi per fare carriera mi sembra discutibile. Sono del parere che quando si parla di calcio non si può parlare di musica e noi abbiamo cercato di cancellare subito questo aspetto”. Resta immutato l’obiettivo: trascinare più gente possibile.